riviste

Ce fastu?
Già Bollettino della Società Filologica Friulana (dal 1920), il Ce fastu? riprende, nel titolo, il frammento del De vulgari eloquentia (I, 11) in cui Dante accenna alle caratteristiche linguistiche della regione friulana.
Rivista semestrale, di impostazione e contenuti scientifici raccoglie lavori e contributi dei migliori specialisti di linguistica, filologia, tradizioni popolari, storia e arte che investigano l'entità etnica e culturale del Friuli.
Fin dalla sua nascita, i migliori studiosi e cultori di cose friulane hanno curato la redazione della rivista: Bindo Chiurlo, Giovanni Lorenzoni, Pietro Someda de Marco, Diego Mistruzzi, Giovan Battista Corgnali.
Nel 1944 la direzione della rivista passa a Gaetano Perusini che la tiene fino al 1977. Dal 1979 al 1989 direttore del Ce fastu? è Gianfranco D’Aronco. Negli anni Novanta i direttori sono Gian Paolo Gri, Gian Carlo Menis e Giovanni Frau. Dal 2007 la direzione è di Giovanni Frau.
ll periodico è giunto alla novantacinquesima annata di pubblicazione. Ce fastu? è inserito nella lista europea ERIH PLUS (European Reference Index for the Humanities and Social Sciences) e in The Nordic List (Norwegian Register for Scientific Journals, Series and Publishers).